Raccolta fondi a sostegno della piccola Gioia

Sabato 27  dalle ore 20.30 al Casale Luna Spina, a Cava 2, Fiano Romano, avrà luogo Una Serata per Gioia, la raccolta fondi a sostegno della piccola Gioia.

Gioia è in cura presso il Centro Anti Tumori di Milano, promossa da Stefano Simonelli, Mister Trans Italia 2016 e dalla sua compagna Claudia Forte, insieme alle Associazioni “LunaSpina Onlus”, “Tutti per Gioia” e con la partecipazione di molti rappresentanti ed attivisti della Comunità LGBTQI del Lazio, tra cui Carmela Veracchi (oggi presidente di Luna Spina, ex Arci Lesbica), Miki Formisano e i ragazzi della TGenus Lazio e infine Mario Colamarino presidente del Circolo Mario Mieli.

Insieme per Gioia

L’ingresso di 10 euro che sarà devoluto in beneficenza, comprende drink e food, la notte in piscina, musica dal vivo con il concerto delle Wishing Star, il karaoke e gli spettacoli en travestì delle Drag Queen tra cui c’è Chantal Chèri. Il tutto in collegamento skype con Cagliari, dove nella stessa giornata avrà luogo un altro evento per Gioia, sotto la guida della coppia di sposi transgender, Marco Michele Angioni e Arianna Ghiglieri, già noti per la loro partecipazione al Grande Fratello 14 e vicini alla bambina da un legame familiare.

Marco infatti, è lo zio di Gioia…

Gioia ha 3 anni e a Giugno 2016 i suoi genitori hanno appreso che la mancanza di equilibrio, i disturbi motori e l’incapacità di pedalare sulla sua amata e minuta bicicletta, erano sintomatici di una malattia molto grave. Un tumore al cervello che “non lascia speranze, sin dal primo giorno”, dice mamma Pamela, che alla diagnosi di glioblastoma bitalamico di quarto grado non vuole proprio soccombere e con suo marito sta cercando il modo per portare Gioia dall’altra parte del Mondo, dove nuove terapie sperimentali potrebbero ridurre la massa tumorale, con la conseguente asportazione.

L’appello dei genitori di Gioia

Gioia Locati

A Luglio 2016 la coppia ha lanciato un appello che ha mobilitato il web diventando presto virale e sensibilizzando regioni come Sardegna, Lombardia, Puglia e anche molti nomi noti come Gennaro Gattuso, Hernanes, Francesco Acerbi, Bianca Atzei, Mario Biondi, Mietta, Platinette, Gianluca Vialli e la comica Debora Villa, che a Gioia ha devoluto l’intero incasso dello spettacolo. Tutti mossi dal tweet di Max Biaggi, ripreso da Sport Mediaset, che di colpo ha smosso la sensibilità comune arrivando fino a Kekko dei Modà, che si è recato personalmente al Centro Anti Tumori per salutare la bambina.

Il Casale LunaSpina è un punto di riferimento per l’intera provincia romana

Si occupa di accoglienza sociale ed è particolarmente sensibile alle discriminazioni di genere. Carmela Veracchi è la presidentessa della struttura, lesbica ed attivista, da sempre pronta a combattere le disuguaglianze e sempre in prima linea per le vittime di violenza di genere.

L’associazione accoglie donne che hanno subito violenza, o ragazze MtF, riportandole ad una dimensione di normalità attraverso il reinserimento sociale e lavorativo. Nella struttura è presente anche uno spazio adibito a Casa Famiglia, dove circa un ettaro di terra è destinato alle attività agricole.

Nel contempo, l’associazione porta avanti un progetto di Campo Estivo per i bambini meno abbienti, andando anche nelle scuole per sensibilizzare le classi sulla tematica del bullismo, attraverso il progetto Scuola di Pace, senza mai dimenticare l’emarginazione e la diversità sessuale che spesso sono a capo di molti terribili accadimenti.

Chiunque può dare il proprio sostegno, seguendo Tutti per Gioia sul sito, oppure sulla pagina Facebook

C’è bisogno dell’aiuto concreto di tutti. E’ possibile donare a:  IBAN: IT 98 Y 05034 33980 000000000144 – Associazione “Tutti per Gioia” / C.F. 91589610152

Aiutateci a diffondere la speranza! Aiutiamo Gioia!

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: