Il Globe Theatre incasso per il #terremoto di centro Italia

Gli incassi di domenica 28 agosto del Globe Theatre, le paghe di attori e tecnici, i diritti SIAE e gli aggi sui diritti di prevendita saranno interamente devoluti agli abitanti di Amatrice vittime deterremoto

Il Direttore artistico del Silvano Toti Globe Gigi Proietti, lo staff organizzativo e tecnico, gli attori della Compagnia de Il racconto d’inverno sono vicini a tutte le persone colpite dal forte sisma della notte scorsa ed in particolare agli abitanti di Amatrice.

Per questo motivo tutto lo staff ha deciso di devolvere alle famiglie di Amatrice l’intero incasso della serata di domenica 28 agosto, le paghe degli attori e dei tecnici della compagnia del Globe, i diritti SIAE spettanti alla traduttrice e regista dello spettacolo Elena Sbardella e all’autore delle musiche, il Maestro Nicola Piovani. Anche TicketOne ha aderito all’iniziativa e devolverà tutti gli aggi sui diritti di prevendita della serata.

Dal Globe Theatre al Sindaco di Amatrice

Tutto il ricavato della serata sarà consegnato personalmente al Sindaco di Amatrice già nel corso della prossima settimana, e sarà lui a stabilirne l’utilizzo, con priorità per anziani e bambini.

“Apprezzo moltissimo l’iniziativa – commenta l’Assessore alla Crescita culturale Luca Bergamo – e ringrazio tutti coloro che contribuiscono a realizzarla. In giornata avremo definito le iniziative da parte del Comune di Roma per portare la nostra vicinanza a sostegno delle zone terremotate. E’ un segnale importante per chi soffre e per Roma stessa che chi fa cultura si impegni direttamente mettendo a disposizione da oggi ai mesi a venire le proprie competenze per ricostruire le relazioni sociali nelle zone colpite”.

“La gente di teatro è stata sempre molto sensibile e disposta ad esprimere solidarietà a popolazioni tragicamente colpite – aggiunge Gigi Proietti, direttore artistico del Silvano Toti Globe – Penso che la nostra iniziativa a favore di persone così duramente provate sia il minimo che, per ora, si possa e si debba fare e spero che il nostro piccolo gesto possa sollecitare anche altri, in verità già così numerosi, a partecipare a questa iniziativa di sostegno e di aiuto”.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: