Femminicidio in Italia? Termine usato fuori luogo. Valentina Morana

Femminicidio, cosa sta ad indicare? Chi ha usato questo termine per la prima volta? Intervista alla psicologa investigativa, e portavoce di La Nostra Campagna, Valentina Peloso Morana.

Dottoressa Morana, le cronache di questi ultimi anni ci parlano di femminicidio, ma questo termine “moderno”, da dove nasce?

La parola femminicidio nasce in Messico, a Ciudad Juarez, per descrivere l’omicidio di massa di donne violentate torturate e uccise a partire dal 1993 fino a oggi, nella regione di Chihuahua. Tutte queste donne hanno caratteristiche in comune: sono giovani, belle, sono studentesse, operaie, cameriere.

Anche i crimini hanno aspetti in comune: violenza fisica e sessuale, tortura, mutilazione e omicidio. Nessuna conoscenza tra vittima e carnefice, le donne sono state usate come femmine da violentare e uccidere per il proprio piacere. Molti i cadaveri che sono stati occultati.

In sintesi, la parola femminicidio nasce per descrivere un fenomeno criminale con caratteristiche specifiche, che ha molti aspetti presenti anche nella descrizione dei serial killer.

Quello che descrive è molto differente da quello che viene indicato come femminicidio in Italia, di che si tratta?

Valentina Peloso Morana
Valentina Peloso Morana

In Italia gli unici casi di femminicidio che mi vengono in mente sono quelli della strage del Circeo e quello di Maria Carmela Maiorano e di sua figlia Valentina. Donne ammazzate dopo essere state violentate, torturate, picchiate selvaggiamente e uccise (una è sopravvissuta ma ha sopportato una vita di inferno ed è morta giovane). Nessuna relazione tra vittime e carnefici, il violentare e l’uccidere fa parte del piacere del criminale.

Va da sé che il termine femminicidio è usato fuori luogo in Italia, nei media e in certi movimenti femminili. Altra cosa sono alcuni maschi che non si arrendono all’abbandono, che sono di un egocentrismo ed egoismo sfrenato, che sono violenti o sono esasperati da un qualcosa, o hanno disturbi di natura psichiatrica e agiscono un omicidio. Negare questo non aiuta a risolvere il problema, ed usare questo termine per rilanciare una superiorità maschile è offensivo nei confronti di tutte le donne e di tutti gli uomini, è offensivo culturalmente e scientificamente.

Come si dovrebbe agire per contrastare questo fenomeno?

Il fatto è che va sconfitta tutta la violenza. Certe femmine non hanno il coraggio di guardare in faccia la violenza in tutte le sue forme, perché hanno qualche cosa da risolvere, qualche scheletrino dentro un armadio. Per esempio non si occupano, della violenza feroce che subiscono alcune nuove compagne, di ex mariti e padri di figli, da parte delle ex mogli e dei sostegni che ricevono in questo. Sostegni che fanno sentire le nuove compagne come sbagliate, bugiarde, fuori posto.

O delle stessa violenza feroce, che ricevono alcune ex mogli dalle nuove compagne dei loro ex e padri dei loro figli.

Una forma di violenza di donna su donna, di cui le cosiddette femministe non si occupano perché cadrebbe tutta la loro ideologia in un colpo solo. Senza dimenticare le femmine che sono violente fisicamente e che picchiano i loro compagni, o che usano l’acido per deturparli, o che ammazzano i loro piccoli.

La dottoressa Valentina Peloso Morana chiude così la nostra intervista:

Un suggerimento alle cosiddette femministe: cara mie, è solo guardando ciò che non va in casa propria e risolvendo, che si possono fare le osservazioni agli altri. Voi non rappresentate tutte le donne nel vostro pensiero, ma una minima percentuale in tutta Italia, dunque non potete parlare a nome di tutte.

Per contatti:

Valentina Peloso Morana
La nostra Campagna

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

Un pensiero su “Femminicidio in Italia? Termine usato fuori luogo. Valentina Morana

  • 22 Agosto 2016 in 10:18
    Permalink

    Punto di vista interessante!

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: