Campus Universitario Unicusano, maggiori spazi e servizi

Ampliamento del Campus Universitario Niccolò Cusano a Roma. Unicusano potenzia i servizi e gli spazi per studenti ed insegnanti.

Grandi novità dal Campus Universitario Unicusano. Abbiamo già parlato dell’Università Niccolò Cusano a proposito dell’anniversario per i dieci anni di innovazioni ed eccellenza, oggi vi raccontiamo dell’ulteriore sviluppo della struttura e dei servizi.

L’Università Niccolò Cusano ha raggiunto i 18mila iscritti, questo porta ad un naturale e proporzionale incremento di docenti e personale amministrativo, da qui la necessità di ampliare l’attuale struttura del Campus Universitario.

Dalla foresteria alle aule didattiche

Ampliamento del Campus Universitario NiccolòUna nuova struttura di 15mila mq adibita ad aule didattiche attrezzate e una moderna sala mensa. Non mancheranno ulteriori impianti sportivi a disposizione di docenti e allievi. Nel Campus anche tanti nuovi posti letto e spazi per i laboratori di ricerca.

In una Roma che potrebbe vivere di arte e cultura, ma spesso orfana di strutture adeguate allo studio e in piena “emergenza abbandono periferie”, il Campus Universitario, che sorge tra Casalotti e Boccea, riqualifica la zona e regala alla Capitale un comprensorio culturale di eccellenza.

Aule Ampliamento del Campus Universitario NiccolòSviluppo e commercio grazie alla Unicusano

Anche le attività commerciali della zona stanno traendo beneficio dalla scelta dell’Università, in un periodo dove la crisi continua a farsi sentire e vedere -basti considerare le decine di saracinesche abbassate- fioriscono negozi e servizi nel comprensorio e nelle vicinanze del Campus.

Nuove tecnologie e avanguardia a disposizione degli ospiti e degli iscritti all’Università Niccolò Cusano. In più importanti opportunità di stage e lavoro, test di orientamento online e il sito internet sempre aggiornato e funzionale.

Il nuovo Campus Universitario è solo l’ulteriore motivo per scegliere Unicusano.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: