…E ora passiamo ad altro al Teatro Vascello

Sarà in scena al Teatro Vascello dal 26 al 27 maggio lo spettacolo …E ora passiamo ad altro, scritto e diretto da Gabriele Linari. Protagonisti le allieve e gli allievi di MaTeMù/CIES

…E ora passiamo ad altro è il risultato del lavoro svolto dal Centro di Aggregazione Giovanile del CIES di MaTeMù, che vede impegnati – in qualità di insegnanti – numerosi professionisti del panorama teatrale e musicale romano: al servizio di ragazzi del quartiere Esquilino, di tutte le culture – italiani, immigrati e seconde generazioni, che si avvicinano al mondo della cultura e dell’arte.

Uno spettacolo di alto livello professionale ed artistico realizzato come strumento di sensibilizzazione all’interculturalità e al rispetto delle diversità,  dell’integrazione e dell’accoglienza. Musica, teatro e danza aiutando a superare discriminazioni e frontiere e sono i mezzi più efficaci per favorire la comunicazione e l’aggregazione.

Sinossi

Un gruppo di persone defunte (per motivi che non veniamo a sapere e che non interessano) si ritrova ancora sulla “terra” in attesa di trovare un “passaggio” per l’oltre. Non più vivi e non ancora del tutto morti, attirano facilmente l’attenzione dei media che iniziano a intervistarli, pedinarli e sovraesporli. Tra i vivi, alcuni ragazzi di una piccola agenzia di spettacolo in crisi (sul confine tra successo e fallimento), decidono di “appropriarsi” dei morti per poterli vendere a trasmissioni spesso umilianti. Ma qualcosa va storto.

Note di Gabriele Linari

“…E ora passiamo ad altro è uno spettacolo che parla di rispetto e di confini. La storia dei morti che aspettano di “passare” all’aldilà è puro scherzo, rabbiosa provocazione e al tempo stesso, una succulenta occasione per riflettere su complessi aspetti della nostra società. Lo sfruttamento mediatico delle tragedie, la diffusione della paura, la perversione “opinionistica” dell’era 2.0, sono alcuni dei principali obiettivi di questa satira che mette in luce l’incapacità dell’uomo contemporaneo di tener fede al diritto e al rispetto dell’Uomo. Ma lo spettacolo parla anche di confini. Non solo quello tra la vita e la morte, appunto, ma anche confini simbolici, astratti. Parla di condizioni interiori e di come l’insoddisfazione ci porti, spesso, a fare scelte sbagliate che generano nuovi confini, muri da scavalcare e porta, altrettanto spesso, ad alterare la nostra percezione dell’altro, generando stati di confusione e insicurezza molto pericolosi. Il titolo rimanda al meccanismo giornalistico del cambio rapido di notizia, che ci lega a un’inesorabile superficialità: il tempo appena di interessarci a un argomento, una situazione di crisi ed è già ora, appunto, di “passare ad altro”. I ragazzi del Centro Matemù hanno lavorato con noi su musiche, rap, coreografie e creazione dei personaggi, portando il loro disagio nei confronti della mercificazione delle emozioni, della “TV del dolore”, della forbice sempre più ampia tra problema e soluzione”.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=HpcmvprQd4k[/youtube]

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: