Il piacere di viaggiare in moto…con gli accessori giusti

Viaggiare in moto è uno dei momenti in cui si può davvero provare l’ebbrezza di guidare la propria due ruote; l’aspetto più complicato è la gestione del bagaglio, rispetto alla capienza dell’auto… a meno di non provvedere con dei prodotti specifici e utilissimi!

Nel suo celeberrimo capolavoro “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”, lo scrittore e filosofo Robert Pirsig sintetizza in poche righe quello che tutti gli amanti delle due ruote provano in sella, anche se sono trascorsi più di quaranta anni dalla pubblicazione del libro: “Se fai le vacanze in motocicletta le cose assumono un aspetto completamente diverso. In macchina sei sempre in un abitacolo; ci sei abituato e non ti rendi conto che tutto quello che vedi da quel finestrino non è che una dose supplementare di TV. Sei un osservatore passivo e il paesaggio ti scorre accanto noiosissimo dentro una cornice. In moto la cornice non c’è più. Hai un contatto completo con ogni cosa. Non sei uno spettatore, sei nella scena, e la sensazione di presenza è travolgente”.

Attore protagonista

Questo pensiero descrive in modo immediato il piacere di un viaggio in moto (e la differenza con chi utilizza l’auto). Certo, esistono degli aspetti meno positivi, soprattutto per i neofiti, a cominciare dalla difficoltà nel preparare i bagagli, non potendo contare su spazi e pesi consistenti. Ecco perché diventa fondamentale la scelta degli accessori giusti cui dotare la propria moto, a partire ad esempio da bauletti, borse morbide e top cases delle principali marche: ce ne sono davvero tantissime in commercio, per tutti i tipi di bikers.

 Da Brescia al mondo

Basta dare uno sguardo ai partner che hanno scelto le forniture dell’azienda bresciana, che in particolare per Bridgestone, Kawasaki, Suzuki è Original Equipment Manufacturer per valigie e borse. Per quanto riguarda le ultime novità, invece, segnaliamo gli accessori pensati per la Triumph Bonneville, la seconda più venduta in Italia tra le moto del produttore inglese, che aiuteranno i motociclisti a godersi il viaggio anche su lunghe distanze. Il rack in metallo cromato può servire sia come classico portapacchi, a cui aggiungere poi uno dei bauletti Kappa della collezione base o quelli delle linee speciali come le borse vintage attraverso il semplice sistema di cinghie, sia come appoggio maniglie per il passeggero; il parabrezza fumé, invece, aggiunge un tocco di stile al look della Triumph, seguendo il profilo tondeggiante del faro anteriore, e offre più comfort in velocità, riparando busto e casco.

Non dimenticare lo scooter

Interessante anche la gamma di proposte per il nuovo modello di Vespa Primavera, sia per la versione con cilindrata 50 che per quella 125; si parte anche qui dal parabrezza trasparente, sempre abbinato alle linee dello scooter e in grado di proteggere anche le mani; si passa poi al portapacchi posteriore e al top case Monolock. In questo caso, i bauletti Kappa sono disponibili in varie dimensioni, con la capacità che va da 26 a 46 litri e ampia varietà di colori, con cover in tinta per garantire un maggior coordinamento con la Vespa.

Top di gamma

In questo settore, uno dei nomi più diffusi è senz’altro Kappa o Givi, storiche aziende italiane che fanno dello stile uno dei marchi di fabbrica, evidente in ogni loro prodotto, dalle valigie ai caschi fino alla linea di abbigliamento waterproof, per mettere sia gli scooteristi cittadini che i mototuristi al riparo da qualsiasi brutta sorpresa, con la garanzia di comodità, sicurezza e qualità in ogni condizione e su qualsiasi strada.

Info utili:

 

Carmine Di Donato

Sin da piccolo ho avuto passione per l’informatica, e crescendo ho sviluppato una gran predisposizione per il disegno, ma anche per la natura, tanto che mi sono laureato in Scienze e Tecnologie per l’ambiente. Le mie più grandi passioni oggi? Scrivere, i Social Network e lo Sport. Seguitemi su: Twitter: @car_didonato o Google +: carminedidonato

Un pensiero riguardo “Il piacere di viaggiare in moto…con gli accessori giusti

  • 19 Novembre 2015 in 11:37
    Permalink

    viaggiare senza pensieri solo con due ruote sotto i piedi per raggiungere posti lontani! amo le moto!
    “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” è sicuramente uno di quei libri da leggere!

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: