Il bilancio di Marino proroga Mafia Capitale

“Il Sindaco Marino predica bene, ma razzola male. Inutile fare improbabili eventi per la legalità, se poi si approvano bilanci come quello di luglio che prorogano proprio gli appalti di Mafia Capitale.

Riceviamo e pubblichiamo.

Inutile fare improbabili eventi per la legalità, se poi si approvano bilanci come quello di luglio che prorogano proprio gli appalti di Mafia Capitale. Giovedì 24 settembre, alle ore 12.00, saremo in viale Mazzini per consegnare ai magistrati della Corte dei Conti l’esposto sull’assestamento di bilancio di luglio 2015 della Giunta Marino. Tra le varie anomalie, abbiamo trovato una cifra monstre di 15.457.909,80 euro ripartita tra i centri di accoglienza immigrati, i servizi per Rom Sinti e Caminanti e l’assistenza alloggiativa dall’1.8.2015 al 31.12.2015, con proroghe degli affidamenti ai soliti noti, nonostante Mafia Capitale . Abbiamo anche individuato diversi appalti e servizi che “lievitano” notevolmente rispetto alle previsioni -a questo punto del tutto errate- del bilancio che era stato approvato appena qualche mesa prima.

Come mai? Inoltre, dopo che ATAC ha continuato a perdere 200 milioni di Euro all’anno a causa della dissennata gestione Marino, ora viene ripatrimonializzata (atto certamente dovuto per le tutela del servizio) con modalità a dir poco improbabili e da “finanza creativa” da parte della Giunta. Appare incredibile come si dia mandato ad operare su Atac ad esponenti della Giunta che già sono stati gli artefici delle politiche con cui si è prodotto il crack dei conti ed il conseguente commissariamento finanziario di Roma nel 2008. Infine, con la delibera di bilancio il consiglio rilascia alla giunta il potere di disporre a proprio piacimento sulla concessione/locazione di centinaia di immobili. Insomma: Mafia Capitale non ha insegnato proprio nulla.

E Ignazio Marino continua  proprio a non capire. Vediamo cosa ne pensano i magistrati.”

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: