Adoptathon Day a Muratella

Sabato 18 luglio 2015 Adoptathon Day a Muratella: contro gli abbandoni estivi adozioni sotto le stelle

Riceviamo e pubblichiamo

“Torna, per il nono anno, l’ Adoptathon Day di Muratella: sabato 18 luglio –  dalle 10 a notte fonda – adozioni, consulenze, aperitivo vegano e musica per un canile sempre più vicino ai cittadini” sottolinea Simona Novi, Presidente AVCPP

Come ogni anno, il fenomeno dell’abbandono e quindi del randagismo non subisce rallentamenti: 342 i cani ed i gatti entrati nel canile di ingresso romano Muratella dal 1 giugno al 10 luglio 2015, in linea con il dato del 2013 (349 animali).

La risposta AVCPP non si fa mancare: torna la nona edizione di Adoptathon Day di Muratella 2015, una giornata – sabato 18 luglio 2015 – dove sarà possibile adottare dalle 10 del mattino alle 17, conoscere gli animali presenti nella struttura e fermarsi in canile per una cena vegana a lume di candela.

“Quest’anno-  dopo l’incomprensibile blocco delle entrate degli animali in canile del 2014 che tanti disagi ha creato agli animali, anche smarriti, rimasti sul territorio, e ai cittadini che hanno subito aggressioni da animali randagi spaventati o che non hanno mai più ritrovato il loro cane o gatto scomparso – torniamo ad aprire Muratella per un evento che aiuterà ad incrementare le adozioni e ad avvicinare i romani al canile” dice Simona Novi, presidente dell’Associazione Volontari Canile di Porta Portese la onlus romana che dal 1997 gestisce i canili romani.

“Un canile non solo luogo di accoglienza degli animali randagi, malati o feriti, ma anche di scambi culturali è in linea con il nostro modo di concepire l’animalismo e di contrastare fenomeni odiosi come l’abbandono”.

Adoptathon Day di Muratella

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: