Sanità, il 30 giugno ultima chiamata per salvare il Forlanini

L’ex nosocomio Forlanini, vittima dei poteri forti, potrebbe ancora rappresentare un polo socio-sanitario nevralgico per la collettività

Il conto alla rovescia è iniziato. Tra meno di una settimana l’ex ospedale Forlanini rientrerà nella lista nera delle eccellenza sanitaria della Capitale e del Lazio lasciate morire per mano dell’incompetenza e dei giochi di potere orchestrati da un’amministrazione regionale indifferente e ingrata nei confronti di medici, operatori sanitari, pazienti e cittadini che chiedono servizi efficienti.

Martedì 30 giugno alle ore 17.00 in Piazza Carlo Forlanini, saremo al fianco di numerosi cittadini, comitati di quartieri e associazioni per dire no a questo scempio perché non passi il messaggio che la chiusura della struttura rappresenti un passaggio obbligato o che la sanità regionale non abbia più la necessità di tenere in piedi i reparti di chirurgia toracica, endoscopia toracica, terapia intensiva malattie respiratorie né di nuovi posti letto per i ricoveri.

Perché nessuno, libero ora di svendere l’ex nosocomio a privati, si senta nel giusto fingendo di non vedere lo spreco e l’abbandono di locali ridotti a rifugio di sfollati, vagabondi e nomadi.Perché nessuno provi ad accampare scuse di fronte ad un patrimonio storico che avrebbe potuto ancora rappresentare un polo socio-sanitario nevralgico per la collettività, a costo zero e in grado di creare economie per l’amministrazione regionale, lo dichiara il consigliere regionale del Lazio, Fabrizio Santori.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: