Ecco la pre intesa per il contratto dei dipendenti capitolini

La pre intesa del Contratto Collettivo Decentrato per il personale dipendente non dirigente del comparto. Ora al vaglio di sindacati e dipendenti capitolini

Lo abbiamo promesso poche ore fa nell’articolo che conteneva l’intervista a Catia Mineo del CSA e Nicoletta Calcagni UIL, la pre intesa è finalmente arrivata ed è scaricabile da questo link SCARICA LA PRE INTESA

Come spiegava la Calcagni nell’intervista, verrà indetto un referendum per valutare tra tutti i dipendenti di Roma Capitale se la pre intesa soddisfa i requisiti.

Potranno votare quindi tutti i dipendenti, resta da capire come sarà svolto il referendum e quando, se online oppure ci si dovrà recare fisicamente a votare.

La pre intesa appare subito articolata e complessa ed è specificato che la data d’inizio è il 1 febbraio 2015, previo perfezionamento del relativo procedimento autorizzatorio. Si specifica anche che, almeno una volta all’anno, si dovrà svolgere un incontro fra le parti per verificare l’impatto complessivo e settoriale dell’applicazione.

Le pagine sono 53 corredate anche di schemi e tabelle esplicative su produttività, responsabilità e turnazione. Prevede tutti i comparti, sia Polizia Locale che Settore educativo.

Ringrazio Catia Mineo del CSA che mi ha immediatamente messo a disposizione, per noi e voi tutti, la pre intesa. Le chiedo se vuole dichiarare qualcosa e giustamente mi dice che preferisce leggerlo attentamente ma “tuttavia resto perplessa. Sulla fase della sperimentazione e sulla fase del salario accessorio. La sperimentazione ancor prima di aprire i tavoli tecnici. Il lavoro si deve fare sui tavoli!”

Mentre Stefano Giannini, segretario SULPL, dichiara: “Ma quale pre intesa? Ora si accordano unilateralmente pure da soli?”

Vi lascio alla lettura e valutazione della pre intesa, vi terremo aggiornati sulle valutazioni dei sindacati e l’eventuali modalità del referendum.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: