Contro l’usura: i 20 anni dell’impegno Airp

Contro l’usura. I 20 anni dell’impegno dell’Airp. Mercoledì 29 ottobre dalle 9,30 alle 13.00, presso Unicef, Sala Auditorium, via Palestro 68, Roma

Interverranno: Giovanni Luigi Bombagi, vice prefetto aggiunto di Roma; Concettina Ciminiello, assessore Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza Regione della Lazio: Roberto Ussia, assessore Politiche Sociali Comune di Ladispoli; Michele Alessi, segretario nazionale Siulp, Sindacato italiano unitario Lavoratori Polizia; Donato Capece, presidente Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria; Massimiliano De Toma, presidente di Federmoda Roma e membro di Giunta di Confcommercio Roma; Lino Busà, presidente Sos Impresa Confesercenti; Francesco Iorio, capo settore “Fondo di prevenzione usura e sovraindebitamento” Adiconsum; Maurizio Fiasco, sociologo, Francesca Danese, presidente Cesv Lazio, Italo Santarelli, presidente Associazione Airp.

Porteranno la loro testimonianza Wilma Goich, artista; Loredana Cascini, ristoratrice; Achille Ghidetti, imprenditore; Maurizio Carloni.

Modera Luca Liverani, giornalista di Avvenire.

Dal 1994 al 1996, 150 persone si sono suicidate per usura. A distanza di vent’anni i suicidi continuano e solo negli ultimi due anni si è sfiorato il tetto delle 200 vittime. In un contesto in cui le attività produttive, in difficoltà con il credito e troppo spesso costrette a ricorrere all’usura, sono lasciate sole, occorre un intervento tempestivo ed urgente da parte di Governo ed Istituzioni, un segnale concreto che aiuti ad aiutare chi è in difficoltà. Sarà questo uno dei temi di discussione nel corso della tavola rotonda “Combattere il sovraindebitamento per vincere l’usura”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: