Premio Scenario 2015

Ritorna per la sua 15° edizione il Premio Scenario. Le iscrizioni saranno aperte fino al 31 Ottobre.

Ritorna il Premio Scenario, l’iniziativa nata nel 1987 è ormai giunta alla sua quindicesima edizione. Nato da un’idea di Marco Baliani, il progetto consiste in  un concorso rivolto a giovani talentuosi  che oggi giorno si scontrano con la dura realtà del mondo del teatro e gli innumerevoli ostacoli per affermarsi in questo settore. Il progetto Scenario nasce proprio con il proposito di facilitare il percorso di questi artisti, oltre che ad aprire nuove prospettive per il teatro in Italia, una della forme d’arte e letteratura che più  ha contribuito a rendere il nostro Paese emblema della cultura nel mondo e, tuttavia, in tempi recenti trascurato dal grande pubblico.

Il Premio Scenario è rivolto ad autori registi, attori, drammaturghi, scenografi, musicisti, tecnici, che non  devono avere compiuto i 35 anni di età  alla data di scadenza del bando (31 ottobre 2014). L’Associazione selezionerà progetti che non solo esplorano nuovi linguaggi, ma aspirano ad iniziare un nuovo capitolo per il Teatro in Italia, avvicinando ad una delle più antiche delle arti giovani creativi e desiderosi di crescere artisticamente.

Il concorso, che si svolge ogni due anni, è considerato uno dei primi più ambiti per le giovani compagnie teatrali italiane. Il bando si rivolge ad artisti esordienti, gruppi di recente formazione, soggetti impegnati in nuovi percorsi di ricerca.  I due progetti vincitori e i due segnalati costituiranno la Generazione scenario 2015, gli autori del progetto saranno seguiti dai membri dell’Associazione fino alla realizzazione di uno spettacolo, che  sarà fatto debuttare tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016. I teatri che partecipano all’iniziativa si impegneranno ad  ospitare gli spettacoli compiuti, in relazione alla propria  programmazione. Inoltre il Premio Scenario 2015 prevede l’assegnazione di 8000 euro al miglior progetto destinato alla scena della ricerca, 1000 alle due segnalazioni e 5000 al vincitore del Premio Ustica, premio assegnato per il particolare impegno civile e sociale delle opere realizzate.

Per poter partecipare all’iniziativa è necessario un piccolo contributo pari a  70 euro.

Clelia Tesone

E m'abbandono all'adorabile corso: leggere, vivere dove conducono le parole. La loro apparizione è scritta; le loro sonorità concertate. Il loro agitarsi si compone, seguendo un'anteriore meditazione, ed esse si precipiteranno in magnifici gruppi o pure, nella risonanza. Una delle più belle citazioni di Paul Valery per molti, come me, che crescono tramite una pagina, che sia letta, scritta o studiata.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: