7 colli e 14 Arene del cinema nell’ Estate Romana 2014

Quale occasione migliore per recuperare i successi della scorsa stagione cinematografica o un grande classico del passato, se non quella di accomodarsi davanti a uno dei tanti maxischermi di questa Estate Romana?

I film vincitori degli Oscar, i campioni d’incasso al botteghino e le più interessanti novità del cinema italiano sono in programmazione nelle quattordici Arene di Roma sparse su tutto il territorio capitolino, così come nell’arena dell’Isola del Cinema, sull’isola Tiberina. A queste si aggiungono anche le proiezioni di “Aquila sotto le stelle” al Centro Culturale Elsa Morante, della manifestazione Le notti di San Lorenzo e del festival Eutropia, che riprenderà la stagione dei grandi concerti a settembre. Il cinema di ieri è invece il filo conduttore delle rassegne ospitate al Complesso del Vittoriano e in piazza Santa Croce in Gerusalemme, e al teatro all’aperto della Casa del Cinema. La prima accompagna la mostra allestita sempre al Vittoriano, Luce. L’immaginario italiano sui novant’anni dell’istituto, mentre nell’edificio di Villa Borghese prosegue la retrospettiva sull’opera di Gigi Magni celebrato dall’esposizione Epigrammi all’inchiostro di china – a ingresso libero e aperta fino al 21 settembre alla Casa del Cinema – con una selezione di fotografie e disegni dello stesso regista romano.

Il cinema, ma in carne e ossa, fa capolino anche al Gay Village. Sabato 23 agosto, infatti, la direttrice artistica Vladimir Luxuria intervisterà una delle attrici più amate del cinema italiano, Paola Minaccioni, beniamina della kermesse e vincitrice del Nastro d’argento per l’ultimo film di Ferzan Ozpetek Allacciate le cinture.

Dopo lo straordinario successo di pubblico lo scorso 19 agosto, in occasione del Bimillenario della morte di Augusto, sabato 23 romani, visitatori e turisti potranno ammirare ancora una volta l’Ara Pacis a colori. Le aperture serali saranno replicate ogni venerdì e sabato fino al 7 settembre, giorno di chiusura della mostra L’arte del comando. L’eredità di Augusto, visitabile in quegli stessi giorni con un unico biglietto.

Tornano i successi dei Classici in villa. La location di questa nuova e ricca edizione è la Casa del Jazz: in programma i live del duo Sin palabras, composto da Stefano Petucco e Annalisa Marra sabato 23 e di Riccardo Freje e Jazz milonga domenica 24 agosto. Musica, intrattenimento e teatro accompagnano invece le altre sere d’estate della Capitale. Torna sul palco di Roma Capital Summer Antonio Giuliani, con il suo spettacolo Nato in Italy sabato 23 agosto, mentre riprendono i live musicali di Micro at colour park al Parco Nemorense con la musica dei Suntiago, sempre lo stesso giorno. Musica e teatro si incontrano invece nel festival Convergenze Urbane con Maggio – canzoni d’ammore e d’arraggia, un omaggio alla tradizione napoletana e alla musica popolare del Mediterraneo (23 agosto). Si balla invece, come di consueto, sulla riva ostiense del Tevere a Gasometro 2.0 e nei festival all’aperto Roma Vintage e Groove Park.

Due grandi attori del teatro e del cinema italiano saliranno sul palco del FontanonEstate al Gianicolo. Sabato 23 e domenica 24 agosto Paolo Graziosi vestirà i panni di Edipo nella pièce Edipo in compagnia, mentre lunedì 25 agosto spazio al teatro d’impegno civile con Roberto Citran che ricorderà la figura del giornalista Pippo Fava, ucciso dalla mafia nel 1984, con il monologo Nel nome del padre, scritto dal figlio Claudio. Sempre nel fine settimana proseguono infine le repliche dell’Avaro all’Anfiteatro Quercia del Tasso nell’allestimento della compagnia La Plautina, e di Molto rumore per nulla, terzo spettacolo firmato William Shakespeare nella nuova stagione del Silvano Toti Globe Theatre.

Scarica il programma del 23/24/25 agosto

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: