Farmacap, ennesimo sfregio a Roma

Roma, capitale del mondo dove tutto può succedere. Pure che 44 farmacie comunali siano in perdita di milioni di euro. Farmacap

Si respingono al mittente le accuse, qui non ruba nessuno. Già, perché non è abbastanza, forse il limite non si intravede ancora, neppure per i 370 dipendenti di Farmacap. Cerchiamo di fare ordine tra le tante versioni proposte nelle ultime settimane; Farmacap, come dice Giampaolo Rosato dipendente dell’azienda municipalizzata e delegato CGIL, è nell’occhio del ciclone da molto tempo, esattamente da quando è  stato individuato un  buco nei conti: ora di 15 milioni di euro.

A dicembre 2013 la Giunta Marino ha deliberato lo stanziamento di 15 milioni per risanare questo bene pubblico – potenzialmente una “macchina da soldi” – ma la cosa più importante fu la promessa del rilancio dell’azienda pubblica proprio perché, anche Ignazio Marino e la sua Giunta, avevano ben chiaro il potenziale della Farmacap e del vantaggio. Al 21 luglio – ricordo che è il giorno dell’ingresso “vietato” in Campidoglio – i soldi prima deliberati non sono mai stati stanziati, il fatto più grave è che non solo si è insabbiata ogni prospettiva di rilancio dell’azienda, ora si prospetta la solita noiosissima litania “tormentone romano” dello smantellamento a favore dei privati. Gianpaolo Rosato dice “esponenti stessi della maggioranza sembrano sposare la linea che un tempo fu di Alemanno, quindi dismettere l’azienda o di trasformarla in SPA con la cessione di azioni ai privati”.

Farmacap conta 44 farmacie, servizi sociali dell’assistenza in telesoccorso ed un asili nido al X Municipio, difficile pensare ad un buco di 15 milioni di euro in effetti, specialmente se a fare i conti non è stato il MEF – per esempio – ma commissari che si sono susseguiti negli anni restituendo cifre assai differenti: nel 2011 il lavoro è svolto dal direttore generale dimissionario Orgera, la seconda verifica è del commissario Alessandro Ridolfi e, per ultimo dal nuovo direttore generale Michele Guarino. Con Ridolfi si stimava una perdita di 1,4 milioni di euro, con Guarino  si arriva a 10 milioni, adesso siamo a 15 milioni. Da sottolineare il debito che vanta l’azienda nei confronti di Regione e Comune: rispettivamente 12 e 4 milioni di euro.

I lavoratori “sospettosi” di Farmacap hanno condotto uno studio parallelo sui conti, il dossier sarà presto sui tavoli dei magistrati contabili, ma già si parla di un magazzino inferiore di 2,9 milioni di euro, 240 mila euro relativi a farmaci scaduti e così via. A tutto questo si aggiunge una beffa, assai sgradevole e amara: l’accusa da parte degli inquilini del Campidoglio verso i dipendenti Farmacap di aver rubato e rivenduto medicinali per il valore di 9 milioni di euro. Quindi questi dipendenti sono ladri e ricettatori!

L’asilo nido poi è un’altra piaga che SenzaBarcode trova oltremodo dolorosa e sanguinante; seguiamo da vicino le vicende degli asili nido, le difficoltà delle maestre, dei bambini “pacco postale” sulle chiusure di luglio, le precari, la mancanza di fondi per l’edilizia scolastica… insomma, anche l’asilo nido Ugo Bossi, considerato eccellenza nel settore, con 13 educatrici e 52 bambini, aperto fino al 31 luglio per la cronaca, si ritrova a soffrire al pari degli altri reparti aziendali. E i bambini?

L’intervista a Gianpaolo Rosato e alle educatrici del nido Farmacap è nel video qui sotto, guardatela con attenzione e chi sà se anche voi avrete la stessa mia impressione: la storia si ripete, la maggioranza vuole una cosa alla quale si opponeva quando stava in opposizione, la finalità è privatizzare e il danno è sempre per i cittadini.

[youtube]https://youtu.be/CqbQu-9_4p8[/youtube]

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: