Nuova edizione di ‘ ‘Death Row USA

USA: pubblicata la nuova edizione di ‘Death Row USA  aggiornato al 1° gennaio 2014

L’ormai tradizionale rapporto trimestrale curato dal Legal Defense Fund del NAACP (National Association for the Advancement of Colored People) registra che alla data del 1° gennaio 2014, i detenuti nei bracci della morte Usa erano 3.070, 55 in meno rispetto alla stessa data dell’anno precedente. Dal 2000, il numero complessivo dei detenuti dei bracci della morte Usa è diminuito del 16%.

Il braccio della morte più popoloso rimane, come ormai da moltissimi anni, quello della California (742), seguito da quello della Florida (410), del Texas (278), dell’Alabama (198) e della Pennsylvania (193). Gli altri bracci della morte che superano i 100 detenuti sono quelli di North Carolina (159), Ohio (144) e Arizona (124). Oltre 50 detenuti sono nei bracci della morte di Georgia (94), Louisiana (88), Nevada (80), Tennessee (76) e il braccio della morte federale di Terre Haute in Indiana (59). Divisi per razze, nei bracci della morte ci sono 1.323 bianchi (43,09%), 1.284 neri (41.82%), 388 ispanici (12.64%), 44 asiatici (1.43%), 30 Nativi Americani (Pellerossa) (0,98%), e 1 detenuto di razza indeterminata (0.03%).

Divisi per sesso, i detenuti sono 3.010 maschi (98.05%) e 60 femmine (1,95%). Il rapporto contiene anche altre informazioni sulle esecuzioni. Dal 1976 al 1° gennaio 2014 sono state giustiziate 1359 persone. Queste erano 764 di razza bianca (56,22%), 467 di razza nera (34,36%), 105 di razza ispanica (7,73%), 16 di razza pellerossa (1,18%) e 7 di razza asiatica (0,52%).  Divise per sesso, le persone giustiziate erano 1346 maschi (99,04) e 13 femmine (0,96%).
Le 1359 persone giustiziate erano state condannate per un totale di 2005 omicidi. Di questo omicidi, 1352 erano stati contro bianchi (76,41%), 300 contro neri (14,96%), 130 contro ispanici (6,48%), 38 contro asiatici (1,90%) e 5 contro pellerossa (0,25%).

Gli analisti del NAACP notano che a livello nazionale, circa metà degli omicidi hanno come vittime persone di razza nera, e che la percentuale di persone condannate a morte per aver ucciso un nero (circa 15%) denota una sproporzione generata da motivi razziali. Dei 2005 omicidi puniti con l’esecuzione, 1026 erano stati contro maschi (51,17%) e 979 contro femmine (48,83%). Il rapporto contiene anche altri dati, compresa una breve trattazione dei più recenti sviluppi legislativi circa la pena di morte.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: