Flash new: Matrica, chimica verde made in Porto Torres

Green Italia e Francesco Ferrante da Porto Torres  all’inaugurazione dell’impianto. Matrica per la chimica verde!

 

“Stop al petrolio e ai suoi derivati e largo a colture e piante per essere bioraffinate con lo scopo di produrre biomateriali e prodotti intermedi per la nuova chimica. Il futuro della chimica è verde, e l’Italia grazie al know how di alcune grandi aziende può essere leader nel mondo, nel segno della sostenibilità e dell‘innovazione.

L’apertura dello stabilimento a Porto Torres, con le prime due linee dedicate alla produzione dei monomeri e dei biochemicals da materia prima di origine vegetale e rinnovabile con processi industriali sostenibili (anche per consumi idrici e di energia), frutto della joint venture tra Novamont e Versalis, segna una giornata speciale per il rilancio della bioeconomia made in Italy”.

“Fare industria si può e si deve, ma – continua Ferrante – nel segno della sostenibilità ambientale: lo sviluppo deve essere accompagnato da un rapporto equilibrato tra l’industria, l’ ambiente,l’ innovazione tecnologica e specialmente per quanto riguarda l’Italia, la ‘grande Bellezza’ che caratterizza tutto il suo territorio. Matrica è in certo senso la risposta a quella visione reazionaria e ricattatrice secondo la quale l’industria, quale creatrice di lavoro, debba essere fatta anche a danno della salute e dell’ambiente. Con Matrica, con un’investimento finora nel progetto di 180mln di euro,si avranno invece nuovi posti di lavoro, grazie ad un progetto studiato in un’ottica di sostenibilità a lungo termine e di integrazione con il territorio. Adesso questo territorio reclama con forza che siano finalmente realizzate le bonifiche, proprio per uscire definitivamente da una storia che ha lasciato troppe eredità inquinate”.

“Per noi di Green Italia, industria non può che essere incrocio di innovazione, lavoro e sostenibilità, nella convinzione che l’Italia si meriti questo per il proprio futuro e non impianti obsolescenti, pericolosi per l’ambiente e la salute dei lavoratori e dei cittadini. La politica e il Governo Renzi scelgano: il futuro é a Porto Torres non all’Ilva che si vuole tornare a regalare a chi ha fatto scempio di territorio, ambiente e salute”- conclude Ferrante.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: