Cronaca

Born Invisibel. Sheila McKinnon e Victoria Eriks. Donne per donne

Born Invisibel, la mostra fotografica di Sheila McKinnon al Museo di Roma in Trastevere, curato da Victoria Eriks

Born Invisibel, nate invisibili e senza voce, ma dalle fotografie dell’ottima Sheila McKinnon, si comprende quanto dignità abbiano queste donne. Le sue donne del mondo. Un lavoro strepitoso in mostra dal 6 giugno al 28 settembre al Museo di Roma in Trastevere, in piazza Sant’Egidio.

Cinquanta fotografie scattate da Sheila McKinnon nei suoi numerosi viaggi nei Paesi poveri e super-poveri, scatti che immortalano momenti semplici e intensi, dove il colore è “lo strumento” per rendere l’immagine visibile anche agli occhi dell’anima e le sovrapposizioni ci raccontano storie. Sheila McKinnon è un’artista profonda e introspettiva che ci da gli strumenti per riflettere su quali e quante siano le violenze sulle donne e sento d’aver toccato una corda particolarmente sensibile quando le pongo una domanda sulla tratta, l’odiosa pratica della vendita delle donne; anche su questo il suo contributo fotografico è puntuale ed ineccepibile.

[youtube]https://youtu.be/i7WAoRx25qg[/youtube]

Le foto sono state sapientemente selezionate da una donna che mi piace definire visionaria ma concreta, Victoria Eriks. Esperta di pubbliche relazioni ed arte, Victoria Eriks e ambasciatrice in Italia per l’associazione non governativa Women for Women International, che lavora con le donne socialmente escluse in otto Paesi dove la guerra e i conflitti hanno devastato la vita e comunità. Per lei è stato un onore ed una gioia occuparsi delle opere di Sheila McKinnon perché spiega, è stato come proseguire un lavoro iniziato da anni, un filo conduttore che la porta al sostegno delle donne vittime di violenza e oppressione.

[youtube]https://youtu.be/QwJV1zJrLFA[/youtube]

Victoria Eriks e Sheila McKinnon, due donne per le donne. Due artiste imperdibili. La mostra Born Invisibel è visitabile al Museo di Roma in Trastevere, in Piazza Sant’Egidio a Roma dal 6 giugno sino al 28 settembre; la fotografa ha promesso di partecipare spesso alle giornate e quindi sarà possibile incontrarla e discorre con lei delle sue opere.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!