Presidi dipendenti capitolini, si unisce anche il SULPL

Salvare Roma spetta a chi crea servizio alla città, sono i dipendenti capitolini il cuore pulsante

Sapere che  la necessità e l’urgenza della Capitale è difendere i diritti basilari dei cittadini è molto doloroso. Divide et impera … è una vecchia scuola, ma maestre, agenti di Polizia Locale, amministrativi, bibliotecari… i dipendenti capitolini, il motore della città, questa volta si sono uniti.

Nei gruppi Facebook, segreti o meno, sono ricchi di messaggi incoraggianti. Qualche sparuto tentativo di demoralizzare c’è, ma è isolato. Le Maestre sono tante e pronte con i loro mezzi e capacità, chi crea volantini e cartelli, slogan e cori… I manifesti si fanno a mano, i volantini si stampano a proprie spese in copisteria, sono tornate le collette e i panini fatti a casa per tutti. Io non sono un maestra o un agente della Polizia Locale, ma sono a disposizione dei dipendenti capitolini con queste pagine e la telecamera. Perché non è giusto quello che stanno facendo. Non mi interessa se il danno è stato creato da amministrazioni passate o ci sono stati i brogli elettorali, o adesso sono troppo impegnati con le campagne elettorali per le europee.

A me interessa la giustizia. E a Roma la situazione sta peggiorando drammaticamente; il sindaco Ignazio Marino è impegnato nella scelta del Brand per il logo, vuole togliere la Lupa! E’ infastidito dal fatto che è stato scelta in “periodo Alemanno”? Ma stiamo scherzando? Si, qualcuno lo sta facendo e usa i dipendenti capitolini, ma qui non ride proprio nessuno. I cittadini hanno il diritto di essere informati e così i presidi del 17 e 18 maggio. Anche il Sulpl sostiene l’iniziativa, di seguito il comunicato stampa!

“Da domani la Polizia Locale di Roma passerà dalla sola protesta ad una massiccia campagna di controinformazione per la vicenda del taglio al salario” informa Stefano Giannini segretario romano del SULPL“ Sabato e domenica saranno installati gazebo informativi in Piazza Montecitorio e Piazza Madonna di Loreto tutta la giornata per dare informazioni ai cittadini su come e quanto i tagli incideranno sui servizi da erogare alla città. Nella giornata di lunedi invece “ prosegue Giannini” saremo anche sotto il Ministero della economia e delle finanze per fare del volantinaggio. Queste iniziative organizzate sia dal sindacato che da comitati spontanei di lavoratori “continua Giannini” serviranno per dare una informazione più capillare ai cittadini ed ai turisti. Andremo sotto i palazzi dei nostri reali datori di lavoro costretti dal comportamento alla Ponzio Pilato del Sindaco di Roma che, lavandosene le mani, ha trasferito ogni responsabilità agli organi di governo centrali”.

“Lunedi termineremo con 2 grandi assemblee generali dalle 11 alle 14 e dalle 18 alle 21 dove tutti i colleghi insieme “conclude Giannini “decideranno le prossime forme di informazione e protesta da mettere in pratica fino alla proclamazione di un nuovo sciopero”.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: