Nessuno Tocchi Caino: nel 2013 ben 331 persone giustiziate per droga

Flash news dall’associazione Nessuno Tocchi Caino: nel 2013, 331 persone sono state giustiziate per droga. Questo anche grazie ai finanziamenti ricevuti dai Paesi dell’ONU e dell’Unione Europea.

L’Iran ha giustiziato 331 persone per reati legati alla droga nel 2013, secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi dall’organizzazione non-profit Iran Human Rights.

Il dato metterà ulteriormente sotto pressione l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC) e un certo numero di Paesi europei che continuano a finanziare le operazioni di polizia antidroga in Paesi come l’Iran, che impongono la pena di morte per reati di droga.

L’UNODC, che riceve finanziamenti significativi da Regno Unito, Francia e Unione europea (tra gli altri) gestisce programmi in Iran e Pakistan che aiutano le forze anti-narcotici di questi Paesi ad effettuare arresti e procedimenti giudiziari, inevitabilmente contribuendo a un gran numero di condanne a morte, dal momento che nessuna condizione è prevista in merito agli aiuti per evitare questo risultato.

Le esecuzioni per reati di droga costituiscono quasi la metà del numero totale di esecuzioni registrate da IHR per il 2013: 331 su 687. IHR osserva che “La detenzione e lo spaccio di stupefacenti restano le accuse più comunemente usate contro i giustiziati in Iran nel 2013.”

L’imposizione da parte del Pakistan della pena di morte per i reati di droga fornisce un importante contributo alla sua popolazione nel braccio della morte di circa 8000 prigionieri – ritenuto il più grande del mondo. Il Regno Unito continua a finanziare la Forza Anti Narcotici (ANF) del Pakistan attraverso progetti dell’UNODC, nonostante l’organizzazione metta in evidenza le quattro condanne a morte ottenute nel 2013, includendole tra i suoi principali “successi”.

Khadija Shah, una giovane madre di Birmingham, è tra i diversi cittadini britannici potenzialmente a rischio di condanna a morte in Pakistan con accuse per droga – una situazione cui il contribuente britannico contribuisce attraverso l’aiuto fornito al ANF.

Maya Foa, direttrice del team legale sulla pena di morte di Reprieve, ha dichiarato: “E ‘scandaloso che l’UNODC continui – in pratica – a finanziare la pena di morte in tutto il mondo. L’enorme numero di persone giustiziate con l’accusa di droga in Iran lo scorso anno deve costituire un campanello d’allarme per l’UNODC.

L’UNODC ha bisogno o di mettere in atto misure per evitare che il suo sostegno contribuisca alla pena di morte, o di far cessare il finanziamento ai progetti antidroga in quei Paesi che la impongono. È inoltre indispensabile che la Gran Bretagna – che è il più grande donatore anti-narcotici della regione – agisca per garantire che il denaro pubblico non venga utilizzato per accrescere ulteriormente l’enorme popolazione del braccio della morte in Pakistan”.

Marika Massara

Nata e cresciuta in provincia di Milano, emigrata in Calabria, adottata da Roma, non posso che definirmi italiana. Amo la mia Calabria, il mare d'inverno e il Rock. Da sempre attenta alla politica (più che ai politici), non posso che definirmi assolutamente di sinistra. Segni particolari: Milanista sfegatata.

2 pensieri riguardo “Nessuno Tocchi Caino: nel 2013 ben 331 persone giustiziate per droga

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: