Recensione di La cucina arancione di Lorenzo Spurio

La cucina arancione, l’ultima fatica letteraria di Lorenzo Spurio; tanti rappresentanti di un mondo che cambia

E’ vero, il genere racconto in Italia ha poca fortuna, eppure il racconto breve è servito nella storia della letteratura ad anticipare delle vere e proprie rivoluzioni culturali. Leggendo il libro di Lorenzo Spurio, e fin dalle prime pagine, viene subito a mente Lo straniero di Camus.

Tanti stranieri nei racconti brevi de La cucina arancione, distanti dalla nostra vita eppure così vicini al nostro quotidiano, tanti rappresentanti di un mondo che cambia, nei rapporti, nelle sensazioni, nelle reazioni. Un uomo in rivolta che, in questo caso, non ha nulla a che vedere con quello del più noto filosofo algerino, ma che è indice di una insoddisfazione, forse senza reale profondità, prodromica ad un cambiamento della nostra sensibilità sociale e morale. L’agghiacciante semplicità con cui si arriva dal pensiero all’azione corrompe anche la percezione del lettore, che viene guidato a ragionare nello stesso modo dei personaggi che si muovono ne La cucina arancione di Lorenzo Spurio, ombre ostaggio di un pensiero sempre spinto all’eccesso.

La violenza diventa strumento per violentare il violentatore, l’innocente nudità di una bambina inconsapevole si pone, nella mente del pedofilo, come alternativa al pensiero ossessivo di aver causato un incidente stradale, o magari un omicidio colposo:

“Mentre risaliva le scale che conducevano al piano superiore, pensò che c’era come un filo che univa tutti quegli avvenimenti: l’armadio, gli amanti sulla spiaggia, il cane, il bar … se non fosse successo nulla quella notte, sarebbe andata in modo molto diverso. Quegli agenti erano stati una benedizione, tutto sommato”

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

2 pensieri riguardo “Recensione di La cucina arancione di Lorenzo Spurio

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: