Ciambelline al vino e anice, ricetta per un fine pasto dolce e gustoso

Ciambelline al vino e anice: quando  fa freddo, la cosa più bella è riunirsi a tavola  per mangiare. E cosa c’è di meglio di un fine pasto sfizioso e  che magari  si abbini bene anche a del vino?

ciambelline al vino
Semplici e buone un dolce senza tempo

La ricettina di oggi è molto semplice ma vi permetterà di fare una gran bella figura con un dolce sfizioso,  semplice e gustoso.

Gli ingredienti per preparare queste buonissime ciambelline al vino e anice, sono pochi e facilmente reperibili.

Resto sempre stupita nel vedere come le ricette più buone siano anche quelle più semplici da fare.

Questa ricetta appartiene alla cucina povera, ma chiamarla così, è a mio avviso, un eufemismo, perché le ciambelline al vino e anice ci riempiono di gusto e di sensazioni.

Ecco gli ingredienti:

Un cucchiaio di semi di anice.

Un bicchiere di vino bianco.

Un bicchiere e 1/2 di zucchero.

Un bicchiere di olio.

1/2 Kg di farina

1 Uovo .

Cominciamo  mettendo a bagno l’anice nel vino per  dieci minuti.
Una volta passato il tempo prestabilito, prendiamo il mezzo kg di farina, mettiamolo in un recipiente capiente e aggiungiamo il vino con l’anice, l’olio e lo zucchero; se si dispone di un mixer,  impastare il composto sarà ancora più semplice, altrimenti, non disperate, e fate come me:  impastate con le mani  fino a raggiungere una consistenza  non molto  dura,  ma  simile all’impasto del pane , a differenza di questo, però, qui  non occorre il lievito;  le ciambelline al vino e anice non devono gonfiarsi. Una volta lavorato bene l’impasto, prendetene piccoli pezzi e con le mani create dell piccole ciambelle, tutte  di uguale  grandezza. Adesso spennellatele  con l’uovo dopo averlo sbattuto leggermente,  mischiando la chiara con il tuorlo,questo darà loro un aspetto lucente. Se avete dei bimbi fatevi aiutare  da loro,  in queste cose  sono eccezionali ed è anche un buon modo  per condividere del tempo con essi. Una volta spennellate, adagiate le ciambelline al vino e anice nella teglia del forno,  meglio se ricoperta da carta forno, questo vi permetterà di riusare la teglia per varie infornate dato che le ciambelline saranno molte.

Regolate il forno a 180 gradi  per 15 minuti, ma controllatele di tanto in tanto, perché il tempo può variare a seconda del forno. Quando le ciambelline al vino e anice saranno cotte, toglietele dal forno e  arrotolatele nello zucchero – anche se  personalmente le preferisco semplici, appena sfornate-

Queste ciambellette sono ideali per essere inzuppate nel vino.

Le ciambelline al vino e anice, sono’ un dolce davvero senza tempo. Le conoscevano i nostri genitori e anche i nonni ne andavano ghiotti. Naturalmente io e i dottori consigliamo di bere vino con moderazione, meglio se durante i pasti, ma bisogna ammettere che per finire in bellezza una serata tra amici, un bel bicchiere di vino in cui poter inzuppare le ciambelline, è la soluzione ideale!

 Tutti i diritti riservati. Non è consentito copiare, modificare o utilizzare altrove questo articolo, né per scopi commerciali né per la trasmissione a terzi senza la nostra previa autorizzazione. E’ possibile copiare le prime 5/10 righe del testo indicando fonte (con link attivo) e autore dell’articolo. Mandare una mail a ufficiostampa@www.senzabarcode.it indicando dove è stato condiviso il pezzo.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: