Benvenuto tra gli ultimi. Papa Francesco in visita a Lampedusa

Papa Francesco in visita a Lampedusa lascia un segno indelebile che da vita ad un prezioso libro Benvenuto tra gli ultimi.

Papa Francesco in visita a Lampedusa lascia un segno indelebile che da vita ad un prezioso libro Benvenuto tra gli ultimi

Sarà presentato il prossimo 1 dicembre 2013 Benvenuto tra gli ultimi, il libro scritto da Calogero Maria Sparma e Maria Veronica Policardi corredato con le foto di Mauro Buccarello che racconta della visita di Papa Francesco a Lampedusa.

Il volume edito dalla Giancarlo Troiani Editore, ripercorre in 128 pagine gli avvenimenti che hanno condotto all’inaspettata visita papale dell’08 luglio 2013, partendo fin dai primi anni in cui l’isola divenne per molti migranti, provenienti dalla vicina Africa, la porta per il loro ingresso in Europa.

Questo percorso, visto con gli occhi di autori lampedusani, è la rappresentazione di come la gente dell’isola ha vissuto l’incontro con il Santo Padre, e di come da anni quotidianamente vive l’incontro con “l’altro” il migrante. Incontro che il 3 ottobre del 2013, ha mostrato la peggiore delle sue facce: la strage. Una tragedia consumatasi a poche centinaia di metri dalla costa lampedusana, in cui hanno perso la vita 366 persone, episodio che Papa Bergoglio bolla con la parola “vergogna”.

Alla presentazione, che si svolgerà presso la sala convegni dell’aeroporto di Lampedusa, interverranno: il Sindaco delle Pelagie, Giusy Nicolini, il parroco di Lampedusa Don Mimmo Zambito, la docente di lettere Anna Sardone, nonché gli autori e l’editore.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: