Cronaca

Nessuno tocchi Caino: Cina, stop all’uso di organi dei giustiziati

Consueto appuntamento con Nessuno Tocchi Caino: decisione dalla Cina, stop all’uso di organi dei giustiziati. Dalla metà del 2014 si useranno solo organi di volontari

Nessuno tocchi Caino

2 novembre 2013: entro la metà dell’anno prossimo la Cina vieterà il sistematico prelievo di organi dai prigionieri giustiziati, ha dichiarato un alto funzionario cinese. Per quella data, tutti gli ospedali autorizzati ai trapianti dovranno smettere di usare organi dei prigionieri messi a morte e utilizzare solo quelli donati volontariamente e assegnati attraverso un sistema nazionale per trapianti e donazioni.

Ai tribunali che sovrintendono alle esecuzioni capitali è stato comunicato che non saranno più autorizzati ad offrire organi agli ospedali.

Huang Jiefu, ex vice ministro della Sanità e chirurgo, oltre che responsabile della riforma sui trapianti di organi in Cina, ha dichiarato che la diminuzione delle esecuzioni capitali significa che non si può più fare affidamento sugli organi dei detenuti.

“La Cina commina sempre meno condanne a morte, così la dipendenza dalle donazioni dei condannati a morte “arriverà ad un punto morto”, ha detto. “Quindi dobbiamo contare sulle donazioni volontarie”, ha aggiunto.

Huang ha ammesso che il problema del mercato nero di organi non è qualcosa che il Paese risolverà facilmente.

“Il commercio illegale di organi umani sarà inevitabile nella società cinese negli anni a venire”, ha detto Huang. “La grande richiesta di organi è una delle cause. Finché c’è un divario tra domanda e offerta, il traffico illegale di organi non scomparirà, ma il governo continuerà a reprimerlo”, ha dichiarato all’agenzia Reuters.

Per saperne di più

 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!