Ricetta torta allo yogurt di Kefir. Dolcemente dolce!

torta yogurt kefirVoglio condividere con voi  la “mia” torta allo yogurt, logicamente usando il kefir come ingrediente principale.

L’aggiunta dello yogurt di kefir rende il dolce più soffice, è solitamente la base di quasi tutte le mie torte infatti ci aggiungo delle varianti e ottengo dolci sempre gustosi.

Allora rimbocchiamoci le maniche e cominciamo!

Ecco tutti  gli ingredienti:

3 uova, 1 bicchiere di zucchero, 1 bicchiere di yogurt kefir, 1/2 bicchiere di olio, 2 bicchieri di farina vanillina o buccia di limone grattugiata, lievito, un pizzico di sale zucchero a velo per la copertura q.b.

Per prima cosa prendo una leccarda o ciotola che dir si voglia, ci rompo tre uova sia tuorlo che bianco , le sbatto un po’ e per farle ancora più spumose ci unisco una puntina di sale e un bicchiere di zucchero.

Preferisco usare i bicchieri come misura, mi regolo meglio, lo stesso farò per l’olio ma un bicchiere è troppo, trovo che la metà esatta sia la dose ideale!
Dopo aver amalgamato tutti gli ingredienti aggiungo un aroma, vanillina o limone, e finalmente un bicchiere di yogurt kefir, mescolo ancora e aggiungo la farina e il lievito setacciati per non formare grumi.

Dopo aver ben bene mescolato l’impasto è pronto, risulterò denso e liscio! Ora si può infornare a 180° per 20 minuti e  una deliziosa torta per farci colazione (se ci arriva ) è pronta!

Una volta sfornata spolvero di zucchero a velo che la rende ancora più golosa e bella da vedere e buon appetito.

Lo stesso impasto si può dividere in formine per muffin. Questa è una torta versatile, si possono aggiungere cacao o mele per ottenere un dolce semplice ma sempre diverso ogni volta. Per qualcosa di più sofisticato ed impegnativo (ma anche calorico ahimè!) possiamo tagliarla nel mezzo, farne due dischi e farcire con crema pasticcera o panna!

Buon appetito.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: