Tassare le prostitute: realtà o fantasia?

Tassare le prostitute: realtà o fantasia? In materia di evasione fiscale il governo italiano si sta, già da un po’, prodigando; si è passati dall’abolizione del segreto bancario alle limitazioni sui pagamenti in contanti, dal redditometro alla scoperta, non troppo ignota ai più, di  15 milioni di furbi che non pagano miliardi di imposte allo Stato.

Tassare le prostitute realtà o fantasia

Qualche tempo fa a Bologna i carabinieri hanno “somministrato” alle lucciole di turno un dettagliato questionario; quello che è stato definito un vero e proprio censimento delle prostitute con lo scopo  di fornire i dati al fisco per una  tassazione dei guadagni delle  prostitute. Nome, cognome, residenza, luogo e data di nascita, telefono ed  estremi del documento d’identità. Poi ci sono le domande più generiche: “Da  quanto tempo fai questo lavoro”, “Quanto guadagni ogni giorno”, “Qual è il  compenso medio della prestazione”, ed altre simili.

La cosa potrebbe apparire normale se solo ci  si dimenticasse, come spesso accade, che la Legge Merlin del 1958 proibisce alle forze dell’ordine di registrare in modo diretto o  indiretto dati sulle donne che vendono il loro corpo o che sono sospettate di  farlo.

In Germania, diversamente dall’Italia, a far data dal 1º gennaio 2002, la prostituzione è una attività legale. Le prostitute possono lavorare come dipendenti con un normale contratto di lavoro, ma la gran parte di loro lavora come lavoratore autonomo. Le case di appuntamenti sono imprese registrate e non necessitano di particolari autorizzazioni. Se offrono cibo ed alcolici è necessaria una normale licenza per somministrazione. Le prostitute sono tenute al pagamento delle imposte sul reddito e alla applicazione dell’ IVA per i loro servizi. Tuttavia, trattandosi di un mercato dove per la gran parte i pagamenti avvengono in contanti, spesso le tasse sono evase. I Lander di Renania settentrionale e Baden Wurttemberg e Berlino hanno adottato un sistema di imposizione nel quale le prostitute devono pagare anticipatamente un certo ammontare quotidiano, che deve essere riscosso direttamente dai gestori di case di appuntamenti.

La Cassazione civile , sez. tributaria, sentenza  01.10.2010 n° 20528 stabilisce che qualora, a seguito di accertamento sui redditi, risulti che la contribuente ha fornito false dichiarazioni in ordine all’attività effettivamente svolta e si accerti, invece, che i guadagni costituiscono proventi dell’attività di prostituzione, tali redditi vanno considerati come guadagni derivanti da un’attività economica come tutte le altre e, in quanto tali, vanno tassati. Quindi, anche la prostituzione tra adulti deve essere soggetta a tassazione, poiché è un’attività lecita. Di conseguenza, a partire dalla suddetta data in Italia, il meretricio dovrebbe essere un’attività tassabile a tutti gli effetti.

Inoltre, la stessa Sentenza n. 10578/2011 della Cassazione ha ripreso anche quella precedente n. 20528/2010 che ha definito la relativa attività come non illecita.

Si può, in conclusione,  affermare che chiunque eserciti la prostituzione in Italia può e deve aprire una partita IVA, rilasciare la relativa ricevuta fiscale ai propri clienti ed avere un servizio di consulenza contabile da parte dei commercialisti, i quali, se esercitanti regolarmente la rispettiva professione, non dovrebbero incorrere nelle sanzioni penali di favoreggiamento e sfruttamento dell’altrui prostituzione, grazie proprio alla deroga applicata dall’articolo 36 comma 34 bis della Legge 248/2006 nei confronti della legge n. 75/58, ricordando , inoltre,  l’esistenza dell’articolo 3 della Costituzione Italiana che garantisce l’eguaglianza di tutti i cittadini, compresa il pari trattamento sociale.

Sostieni SenzaBarcode con una donazione!
La nostra associazione, il sito e la webradio sono totalmente autofinanziati.
Scegli il progetto che preferisci e diventa SenzaBarcode

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: