Comunali Roma. Stretta di mano tra Palladino e d’Amore

Per richiedere l’inserimento di un comunicato su SenzaBarcode inviare a ufficiostampa@www.senzabarcode.it

Comunicato stampa da CasaPound Italia

Comunali Roma – III Municipio: stretta di mano tra Palladino candidato presidente in III municipio di CasaPound e la d’Amore di Lista Medici

Palladino, mi auguro suo movimento abbia la maturità politica sufficiente a restare sulla strada del dialogo tracciata dalla D’Amore

Alberto PalladinoRoma, 10 maggio – Stretta di mano tra Alberto Palladino di CasaPound Italia e Valentina D’Amore della lista Repubblica Romana in occasione del confronto tra i candidati alla presidenza del III Muncipio (ex IV) andato in onda su Roma Uno. Palladino, per stemperare il clima creatosi dopo che, qualche giorno fa, la lista che sostiene Sandro Medici sindaco aveva occupato la sala di un confronto elettorale in III Municipio proprio in polemica con la presenza di CasaPound, ha dato la mano alla D’Amore, che ha ricambiato la sua stretta, e si è complimentato con la candidata per uno dei punti del suo programma elettorale.

Valentina D’Amore

“Mi ha felicemente sorpreso”– spiega il candidato presidente di CasaPound Italia – “che Valentina D’Amore abbia voluto rompere con il clima di tensione e di mancanza di dialogo che si era instaurato. Ho apprezzato molto, tra l’altro, che abbia citato punti del suo programma in perfetta linea con la posizione e il programma di CasaPound Italia, come ad esempio quello relativo al rifiuto del debito del Comune verso le banche, mossa indispensabile per recuperare i fondi necessari alle politiche sociali. Mi auguro ora che il suo movimento abbia la maturità politica sufficiente a far si che questo gesto distensivo apra a un dialogo costruttivo e che il movimento della D’ Amore raccolga l’esempio della candidata per non ricadere più nella stupida logica degli opposti estremismi’’.

 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: