La Siria è offline dalle ore 20:57 ora italiana

La Siria è offline precisamente dalle 20:57 ora italiana non sono certe le cause, ma si pensa subito a motivazioni governative, per ora non sono molte le notizie a riguardo se non solo Google che prontamente attraverso il suo servizio in tempo reale ci conferma la notizia.

Non si tratta di un blocco unico o solo di alcuni prodotti o servizi, ma bensì dell’intero collasso della rete per la nazione, un evento abbastanza raro ma che è già capitato anche se non in maniera così grave, un intera nazione come la Siria è offline ed è caduta nel “buio”senza connessione internet, i motivi non sono affatto chiari ma già in rete circolano le prime voci appena a qualche ora dall’accaduto di una probabile motivazione governativa non ben specificata.

Alle ore 20:57 la Siria è Offline e lo rimane tutt’ora 23:55, sappiamo che in passato ci sono stati altri blocchi del genere per intere nazioni ma in genere sono avvenuti solo per alcuni prodotti di Google, la stessa grande “G” sullo stesso sito di rilevamento e di controllo fa sapere che non è accessibile nessun servizio ed in più a riprova che la Siria è offline una società menzionata dal WashingtonPost tale Umbrella security fa sapere che anche lei rileva l’offline assoluto.

In passato nel Novembre 2012 è accaduto di nuovo e come abbiamo già accennato voci parlano di un oscuramento del web da parte del governo che ufficialmente  deliberatamente aveva oscurato l’intera nazione per cause “interne” ma forse come molti diffidenti pensano c’è di più.

Aggiornamento delle 10:55, la Siria rimane ancora offline Voci sempre più importanti affermano che il blackout sia dovuto a motivi governativi e di preciso per bloccare la comunicazioni tra i ribelli.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: