Stalker cadavere, finge di essere morto e continua a molestare l’ex

stalker_fa_196_src[1]Fino ad ora avevamo sentito che Gesù Cristo dopo tre giorni risuscitò, che Taylor Hayes, della intramontabile soap beautiful,  dopo che i medici ne avevano accertato la morte, si risvegliò felice e serena come se fosse andata in vacanza alle Seychelles. Ma ancora non avevamo sentito parlare dello stalker cadavere .

Un uomo, con manie di protagonismo, in provincia di Reggio Emilia, ha deciso di fingersi morto per continuare a molestare la sua ex.

Nonostante il divieto, impostogli dal Tribunale,  di avvicinarsi alla casa della moglie e alla stessa, qualche tempo fa lo stalker aveva fatto sapere alla sua ex, tramite un amico comune, che era morto. La donna, che da tempo subiva minacce e violenze psicologiche, ha visto materializzarsi la realtà di non subire più vessazioni dall’ex. Ma il <<sospiro di sollievo>> è durato poco , infatti, lo stalker cadavere si è presentato sotto casa della vittima, si è attaccato al citofono e, dopo aver messo in scena la sua resurrezione, ha iniziato nuovamente a minacciarla e ad insultarla.

La donna, impaurita, ha immediatamente chiamato i carabinieri i quali, recatisi a casa della donna,  hanno sorpreso l’uomo  in flagranza di reato di atti persecutori. L’ex marito è stato, dunque, arrestato.

In  caserma l’uomo, vedendo l’ moglie, ha cercato di aggredirla nuovamente, facendo esplodere tutta la sua rabbia. L’uomo, oltre ad avere il vizio del gioco, fa un uso eccessivo   di bevande alcoliche.

Lo stalker cadavere  andrebbe si fermato, ma anche aiutato a guarire.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: