Cronaca

Stalker cadavere, finge di essere morto e continua a molestare l’ex

stalker_fa_196_src[1]Fino ad ora avevamo sentito che Gesù Cristo dopo tre giorni risuscitò, che Taylor Hayes, della intramontabile soap beautiful,  dopo che i medici ne avevano accertato la morte, si risvegliò felice e serena come se fosse andata in vacanza alle Seychelles. Ma ancora non avevamo sentito parlare dello stalker cadavere .

Un uomo, con manie di protagonismo, in provincia di Reggio Emilia, ha deciso di fingersi morto per continuare a molestare la sua ex.

Nonostante il divieto, impostogli dal Tribunale,  di avvicinarsi alla casa della moglie e alla stessa, qualche tempo fa lo stalker aveva fatto sapere alla sua ex, tramite un amico comune, che era morto. La donna, che da tempo subiva minacce e violenze psicologiche, ha visto materializzarsi la realtà di non subire più vessazioni dall’ex. Ma il <<sospiro di sollievo>> è durato poco , infatti, lo stalker cadavere si è presentato sotto casa della vittima, si è attaccato al citofono e, dopo aver messo in scena la sua resurrezione, ha iniziato nuovamente a minacciarla e ad insultarla.

La donna, impaurita, ha immediatamente chiamato i carabinieri i quali, recatisi a casa della donna,  hanno sorpreso l’uomo  in flagranza di reato di atti persecutori. L’ex marito è stato, dunque, arrestato.

In  caserma l’uomo, vedendo l’ moglie, ha cercato di aggredirla nuovamente, facendo esplodere tutta la sua rabbia. L’uomo, oltre ad avere il vizio del gioco, fa un uso eccessivo   di bevande alcoliche.

Lo stalker cadavere  andrebbe si fermato, ma anche aiutato a guarire.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!