Pranzo della domenica: Paccheri al filetto di mare

vino-e-cibo[1]

Questo secondo piatto a base di pesce è poco calorico e contiene pochi grassi. La ricetta è a base di filetti di spigola e dentice e la cottura avviene in padella. Il condimento è preparato  senza soffriggere e con poco olio extravergine di oliva. Il risultato è un piatto molto gustoso, saporito e sano.

La cucina italiana porta con sè semplicità e qualità. Senza peccare di presunzione, i sapori italiani rappresentano una genuinità apparentemente senza pretese ma che, in realtà, è minuziosa. Quando mi infiltro in un  trendy party  mi passano sotto il naso, piatti da finger food o  da  nouvelle cousine, ed io penso che per me sarà digiuno. Anche in cucina si seguono le mode, perché no? ma per questa domenica resto nazionalista e posto una ricetta dal gusto italiano. E mentre ascolto Mentana,nella sua maratona elettorale, mi viene in mente Totò che dice A proposito di politica… ci sarebbe qualche coserellina da mangiare?” 

Ingredienti: (per 4 persone)

Un filetto di spigola, un filetto di dentice , prezzemolo,  aglio (un  paio di spicchi tritati), olio(6/7 cucchiai)  e qualche pomodorino.

Preparazione: tritare a piccoli pezzi il filetto di pesce,  nel frattempo tritare  aglio e prezzemolo e soffriggere fino a imbiondire l aglio, quando l aglio sarà biondo versare il filetto  tritato nella padella con l’ olio e far cuocere  per una 30 di minuti fino ad ottenere una crema di filetto,  cinque minuti prima di  togliere la crema di filetto, dal fuoco schiacciare 4 pomodorini e lasciarli a  mezza cottura.

Una spruzzata di prezzemolo crudo, impiattare e servire.

 Consiglio dello  chef: come pasta meglio se paccheri lisci  e, se la preferite, al dente è consigliabile.

Lo chef suggerisce vino bianco, ma in particolare, Fiano di Avellino (Feudi di San gregorio), rigorosamente freddo, che esprime in tutto e per tutto le sensazioni mediterranee del nostro piatto.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: