Renzi: Pdl o elezioni. Facebook e Twitter vogliono risposte

Nella  pagina facebook di Matteo Renzi e nel profilo Twitter, si attendono rispostePagina facebook di matteo renzi

“Il Pd deve decidere: o Berlusconi è il capo degli impresentabili, e allora chiediamo di andare a votare subito”

Lo dichiara Matteo Renzi oggi al Corriere, lui non le manda certo a dire. Qualcuno penserà che non ha digerito la sconfitta alle primarie per le politiche di febbraio contro Bersani, probabilmente gli stessi che, a due giorni dagli scrutini di febbraio, dicevano “se c’era Renzi, lui si che avrebbe sistemato tutto”. Ma il sindaco, per ora, continua a fare il sindaco, parla coi ragazzi di Amici, e da la sua “ricetta” salva tutto:

“In sei mesi si può fare. Come anche l’abolizione delle Province; per davvero però, non per finta come si è fatto finora. Se invece riteniamo che lo spazio per parlare con il centrodestra non ci sia, allora andiamo a votare. Ma in fretta” e ancora “Ora patto con il Pdl oppure alle urne Bersani si è fatto umiliare dagli arroganti M5S”

Adeguandosi ai tempi, ai Vip e a tutti quelli che ormai comunicano solo a colpi di social, anche Matteo stamattina ha reso noto, via twitter della sua intervista e subito i cinquettii hanno invaso la rete. Ma io sono più pratica di Facebbok, e credo di non essere la sola: condivisioni e commenti non si contano più.

Solitamente si parla delle dichiarazioni dei politici, io le trovo tutte uguali; anche Renzi  che dice:

“Pensiamo a cos’è successo nel mondo dal 25 febbraio a oggi. In Vaticano c’era ancora Ratzinger; in un mese è stata scritta una pagina di storia. Il pianeta corre. E l’Italia è totalmente ferma. Le aziende chiudono. La disoccupazione aumenta”

a me non emoziona. Non che abbia qualcosa contro Matteo -anzi, mi vien da chiamarlo anche per nome, significa che lo sento più vicino a me di molti altri politici/politicanti- ma sono tutte frasi già usate, quasi dei “luoghi comuni”. Allora vado da Facebook e apro la unga lista dei commenti sotto la dichiarazione; mentre scrivo sono oltre 4mila le persone che hanno fatto “mi piace”, 270 circa che hanno “condiviso” e 845 che hanno commentato:

Maria: Fra te e Bersani c’è una distanza di anni luce. La sua superiorità morale e la sua capacità dovrebbe solo farti riflettere e “studiare”. Tu sei il simbolo di questi tempi magri e piaci solo per questo alla massa… Luisa: Renzi presidente del consiglio subito Bersani ha fallito. Luisella: Vai Matteo,ormai conto solo su di te!Gli altri tutti a casa,pagliacci e comici compresi perchè ormai abbiamo la nausea di certa gente. Andrea:  Mi sa che anche te nel PD stai perdendo tempo. Tommaso: Renzi rassegnati! Le primarie le hai perse! E per fortuna…un vero leader nei momenti di difficoltà cerca di tenere i suoi coesi, non crea ulteriori problemi spaccando il partito. Se tu è i “giovani turchi” siete il futuro del Pd, credo che farete poca strada. Maria: Ma perché non te ne vai con berlusconi e lasci stare il nostro PD? Roberto: pdl 10 milioni di voti.??? a renziiii…. nemmeno se ci mettevi i cani da passegio …ti rinfresco sono 7,1 e non 10…. imbroglione.!! vinceremo senza inciuci.

Per ora,  Matteo non ha risposto e anche lui, per la verità pare non rispondere mai. Ma il mio consiglio, a te Matteo e a tutti, anche voi candidato Sindaco di Roma e città varie, ma anche a voi, candidati nei municipi:

ogni tanto, invece di metterci al corrente delle “vostre proposte” cosa che comunque sapremo presto dato il bombardamento mediatico, provate a rispondere a Maria, Roberto, Liusa, Luigi … anche con un solo messaggio “riassuntivo” ma fateci vedere che ci siete, anche oltre alle domande e risposte preparate.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: