La Costituente della Base: orfani dell’ideologia di destra sociale.

Riceviamo e pubblichiamo, lettera di F.C.
La Costituente della Base: orfani dell’ideologia di destra sociale.

La “destra sociale” è un bagaglio culturale e politico serio, dove molti in campagna elettorale hanno profusamente attinto in modo disperso e senza un filo conduttore logico o perché non era il loro bagaglio o perché lo avevano rinnegato.

costituente

E’, infatti, un bagaglio cui la “destra” che è stata al Governo per 20 anni ha rinunciato ad attingere, tradendo in modo plateale e costante gli ideali della BASE e gli interessi del militante, simpatizzante o semplice cittadino attirato dall’idea di applicazione di una seria politica dello “stato sociale” che la aveva votata.

Si è radicata colludendo con un sistema politico ed uno stile di governo che la base ha sempre rifiutato, disperdendosi nel non voto (perché il non voto è quello di destra), nel voto grillino (sissignore, anche il voto grillino comprende la destra con le problematiche di Auriti sulla sovranità monetaria), nei voti sparsi in mille gruppetti di cui nemmeno chi votava a destra sa più contare e riconoscerne il numero.

Tutte queste divisioni attente alla politica della rappresentanza “condominiale”, o i rimpasti dall’alto, se non si ascolterà la base, porteranno soltanto alla sparizione completa anche dei condomini. La base vuole essere ascoltata, la base, cioè quella che vota, vuole parola! La base si riunisce in tutta fretta, stanca dei giochi che sono ormai insopportabili, con una prima riunione locale il 24 marzo  ore 15.00 a Milano per discutere di una Costituente di “destra sociale” che si confronti con le identità e la gente e stenda proposte e idee. Sono benvenuti tutti gli esponenti dei vari movimenti, associazioni e partiti che sono già stati invitati.

Per contatti e dettagli: costituentedelpopolodidestra@gmail.com

F.C.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: