Uno stimolatore elettrico portatile per alleviare il dolore

Proviamo solamente a pensare come potremmo beneficiare di questo innovativo sistema di trattamento del dolore. Mettiamo il cerotto come se ci fossimo procurati un taglietto e lo leviamo quando non ci serve più. Facile come bere un bicchiere d’acqua.

cerotto

La Thimble Bioelectronics ha sviluppato questo interessantissimo sistema di trattamento del dolore portatile -sulla propria pelle- utilizzando stimolazione elettrica a bassa tensione che va ad individuare i centri nevralgici del dolore e microbatterie.

Viene chiamata TENS (Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation) che per usi simili in realtà già la conosciamo da anni; ne ho un paio anche io , però funzionano con dei box hardware che vanno collegati e con vari cavi che ti devi avvolgere sulla parte dolorante da trattare. Ci vogliono 10 minuti solo per preparare il tutto e fissare le piastrine a bassa tensione, poi spesso non attaccano bene, e bisogna rimetterli durante il trattamento. Fra l’altro, come dice la stessa azienda, sembrerebbe che ci sia la possibilità di attivare un collegamento bluetooth connessa ad eventuali app per cellulari.

E come per tanti altri esempi di prodotti creati per necessità, anche questo è stato sviluppato dall’attuale presidente, Shaun Rahimi, per ovviare a personali problemi di trattamento del dolore, visto che le valide alternative erano abbastanza costose. Le ricerche statistiche dicono che almeno un quarto della popolazione mondiale soffre di questi dolori cronici -ne so qualcosa- e sperano di poter realizzare in questo modo un sistema che si potrebbe definire quasi usa e getta per questo tipo di trattamenti. E, sopratutto, a costi veramente competitivi. La compagnia è fresca di mercato, ha poco più di un anno e sta anche cercando sviluppatori IOS per le loro applicazioni.

Esistono comunque, a parte i classici TENS, altri sistemi quali per esempio i TDCS che sarebbero Transcranial Direct Current Stimulation, e cioè neurostimolatori che utilizzano la corrente sempre a basso voltaggio che però agiscono direttamente su determinate aree del cervello. Vengono per esempio utilizzati per problem solving, memoria, coordinazione motoria, abilità matematiche,ed anche per il trattamento degli infarti. Ci auguriamo come sempre di non avere mai acciacchi di varia tipologia, ma alzi le mani chi non ha nessun tipo di acciacco!

Buona salute a tutti!

 

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: