Caleidoscopi&Fotografie

foto mostraUna finestra su un mondo da conoscere meglio,
visto con giovani occhi e la scelta di rimanere fuori dai canoni
 

Da piccola amavo molto un piccolo oggetto prezioso; si chiamava caleidoscopio. Guardare un’immagine, girare il piccolo binocolo e guardare di nuovo un’altra immagine, essenzialmente diversa, ma intrinsecamente parte della prima.

Sono cresciuta e questo fascino infantile non l’ho perso. Il caleidoscopio, ecco – questa mattina alla notizia della mostra a Roma – bene è ora di mettersi in viaggio.

Viaggio ben più lungo l’ha intrapreso l’autrice di questa mostra; sia letteralmente, è la sua prima esposizione personale in Italia, sia mentalmente, poiché ci invita a un sempre affascinante percorso interculturale.


Si chiama Wasma Mansour, è giovanissima, millesimo 1980, è saudita ma dal 2007 vive in Inghilterra; fino al 30 Gennaio esporrà le sue fotografie alla Galleria Piazza di Pietra-Fine Art Gallery in Piazza di Pietra 28, Roma.

La mostra, curata da Niccolò Fano, con il titolo Single Saudi Womnen esplora la vita di donne saudite che, come l’artista, hanno lasciato la loro patria per trasferirsi in Inghilterra. In questi ritratti appaiono giovani single che, senza venir meno alla loro identità, rielaborano temi occidentali, creandosi una loro espressione libera, contro ogni convenzione e stereotipo.

Dell’esposizione, in cui spiccano borsette alla moda che custodiscono veli ripiegati con cura, mi ha colpito la scelta di Wasma Mansour di non voler imporre una specifica lettura, toccando altresì temi politicamente scottanti.  

Contatta Giulia Gestri

 

{jcomments on}

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: