La non-informazione e le bufale di wikipedia

illustrazione_battagliaTra i ricordi dell’adolescenza molti di noi avranno l’immagine di sé stessi in pomeriggi e/o, molto spesso, sere chini sui libri di storia nel tentativo di memorizzare date, battaglie e incoronazioni all’epoca ritenute inutili o quasi. Dopo anni, di quelle date, ne rimangono solo poche o una piccola parte. Difficile dire cosa NON c’era.

Dal 1640 al 1641 i coloni del Portogallo si sono scontrati con l’enorme impero dell’India di Maratha in quello che successivamente verrà ricordato come il conflitto di Bicholim. Il nome viene da una regione dell’India del nord, dove hanno avuto luogo la maggior parte degli scontri. La battaglia si è conclusa con un trattato di pace.

                                                                                                                             (Cit Wikipedia)

La notizia, ben strutturata, completa di fonti e bibliografia, era composta da 4500 parole, e credetemi, sono davvero tante, ma era totalmente falsa. Mai esistito tale conflitto. Lo riporta il Daily Mail, grazie a un utente del Missouri che ha scoperto la bufala.

Peccato che la stessa Wikipedia aveva etichettato la pagina, nel 2007, un bun articolo.

Purtroppo, le bufale su Wikipedia non sono una novità e più architettate sono, più è difficile scovarle.

Queste sono le dichiarazioni di William Bentler, presidente della Bentler Wiki Relations, società consulente dell’enciclopedia libera che rappresenta una vasta fonte di sapere per moltissimi utenti in tutto il mondo.

Purtroppo gli errori su Wikipedia non sono rari, né una novità, a discapito della buona fede degli utenti che si vedono così chiuso un canale d’informazione. 

Sheyla Bobba

Ideatrice e Direttore editoriale di SenzaBarcode. Docente per Academy SenzaBarcode, dirigo corsi anche per giornalisti, uffici stampa e comunicatori su SEO, Social e comunicazione web. Sei titoli pubblicati, collaboratrice per la trasmissione sul diritto di famiglia del martedì su Radio Radicale, mi occupo di comunicazione istituzionale. I progetti nascono e prendono forma quotidianamente quindi: My life is in progress.

Cosa ne pensi?