Legittimi i canoni scontati per le Associazioni. Sentenza della Corte dei Conti

La sentenza della Corte dei Conti stabilisce la legittimità dei canoni scontati per le Associazioni. L’Amministrazione deve cambiare “modo di pensare il futuro”, comunicazione da Cesv Centro Servizi per il Volontariato del Lazio.

Le cinquanta associazioni, coordinamenti, enti non profit che hanno firmato la richiesta di deferimento del Vice Procuratore della Corte Regionale del Lazio Dott. Guido Patti alla Commissione Disciplinare, chiedono che, dopo la sentenza della Corte dei Conti che riconosce la legittimità dei canoni scontati, cambi radicalmente il modo di pensare il futuro sociale della città: si deve aprire una stagione di dialogo e di coprogettazione tra associazioni e Pubblica Amministrazione.

La sentenza della Corte dei Conti, che ha riconosciuto la legittimità dei canoni scontati per gli spazi affidati alle associazioni che svolgono attività di utilità sociale

ha sbloccato un gravissimo problema (le associazioni in questione si erano viste intimare lo sfratto e richiedere cifre di centinaia di migliaia di euro per presunti arretrati), ma costringe ora ad affrontare in modo costruttivo lo step successivo: che cosa succederà alle associazioni che hanno già ricevuto lo sfratto? E a quelle che hanno già dovuto lasciare la sede? E, in futuro, con quale criterio saranno decise le assegnazioni? L’Amministrazione riconoscerà quel Valore Sociale Aggiunto che queste realtà portano alla vita della città, valore che la sentenza ha messo in luce?

Per il bene di Roma, nulla più deve essere deciso senza la partecipazione del tessuto associativo, che ha dimostrato di avere competenze e disponibilità per coprogettare il futuro sociale della città: l’uso degli spazi è soltanto un punto di partenza, per quanto importante e altamente simbolico.

Regolamenti, progetti e prospettive vanno elaborati e discussi insieme: non è possibile governare la Capitale escludendo i cittadini più attivi e generosi e quelle realtà il cui contributo è determinate per la qualità di vita della comunità.

Nei prossimi giorni, presenteremo una proposta concreta, perché il Valore Sociale Aggiunto venga definito e adeguatamente valorizzato nelle scelte amministrative future e per individuare nuovi metodi di lavoro.

Ringraziamo anche tutti quei cittadini e quelle realtà che ci stanno sostenendo, direttamente e indirettamente

Il Coordinamento 9 marzo: CILD, OPA-Osservatorio Pubblica Amministrazione, CESV, AGCI, Forum Terzo Settore Lazio, IICA, FOCUS–Casa dei diritti sociali, Coordinamento Periferie di Roma, Corviale Domani, Cemea del Mezzogiorno, FED.IT.ART, FED.I.M, Insieme per fare, A Roma insieme, Viva la Vita Onlus, ZeroWasteLazio, Accademia Internazionale di Teatro, Ararat–Centro Socioculturale curdo, ARVUC, ASAPQ Teatro Orologio, Brigata Garbatella, CELIO AZZURRO, Circolo Gianni Bosio, FITEL Lazio, Insieme con te, Fondazione VIGANUS – Museo del videogioco, Istituto Leonarda Vaccari, L’Arcobalena Cooperativa, Scuola Popolare di Musica di Testaccio (SPMT), Soc. Mutuo Soccorso S. Gregorio al Celio, Per la strada Onlus, ACT Torraccia, ADP Ass. diritti dei pedoni di Roma e Lazio, Agop, Hamici, ANGSA onlus, Associazione Calpurnia, Associazione Bela Bartok, Aresam, Casa Internazionale delle Donne, Circolo Arci Rialto, Consortium Coop. Soc, Insieme per Fare, Insieme per l’Aniene, Parsec Consortium, Piccolo Cinema America, PID onlus, Scuola Popolare di Musica Villa Gordiani, UDI, Uniat Aps, Usicons

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?