Santi Consolo confermato capo del DAP, plauso del Partito Radicale

La conferma di Santi Consolo al vertice del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria è stata accolta con soddisfazione dai coordinatori della Presidenza del Partito Radicale Rita Bernardini, Antonella Casu, Sergio D’Elia e Maurizio Turco.

“La decisione del Consiglio dei Ministri di confermare Santi Consolo alla guida del DAP è per noi motivo di soddisfazione perché può consentire di continuare l’opera di rinnovamento di un settore chiave dell’amministrazione della giustizia. Ringraziamo il Ministro della Giustizia per la fiducia rinnovata a uno straordinario servitore dello Stato che abbiamo potuto apprezzare e aiutare in questi anni nel suo difficile compito.

Non possiamo dimenticare le sue partecipazioni ai congressi di Nessuno tocchi Caino nel carcere di Opera (che lo vide insieme a Marco Pannella) e del Partito Radicale a Rebibbia e i suoi interventi volti a superare, spesso su nostra proposta, condizioni e trattamenti meramente afflittivi nelle carceri e norme di dubbia costituzionalità come quelle dell’ergastolo ostativo, contro il quale più volte ha preso posizioni nette e chiare, come quelle espresse nel docufilm di Ambrogio Crespi “Spes contra Spem – Liberi dentro”.

Per quanto ci è possibile, continueremo ad aiutare il Presidente Consolo come il Ministro Orlando – nel dialogo fondato su franchezza e amore della verità – nell’opera riformatrice dell’amministrazione della giustizia e della sua appendice carceraria perché siano corrispondenti ai principi costituzionali e alle norme sui diritti umani universalmente riconosciute.”

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?