Marcia di Pasqua del Partito Radicale. Don Ciotti “continuiamo a camminare insieme”

Marcia di Pasqua del Partito Radicale per chiedere amnistia. Don Ciotti “grazie ancora per il vostro impegno, continuiamo a camminare insieme”.

Sono finora giunte numerose e importanti adesioni all’iniziativa del Partito Radicale prevista per la domenica di Pasqua, il prossimo 16 aprile: la V Marcia per l’Amnistia, La Giustizia, lo Stato di Diritto, che prenderà il via dal carcere romano di Regina Cœli per concludersi in Piazza San Pietro.

Tra gli altri, segnaliamo le belle parole rivolte ieri da Don Luigi Ciotti, fondatore del coordinamento Libera, Associazioni contro le mafie, al Partito Radicale per questa occasione.

È possibile leggere l’appello e annunciare la propria partecipazione alla Marcia di Pasqua tramite il sito ufficiale: Amnistia per la Repubblica.

Di seguito il testo della lettera di Don Luigi Ciotti ai promotori della marcia:

“Cari Amici,

È importante tenere alta l’attenzione – e in questo voi siete da sempre un punto di riferimento – su problemi come quelli del carcere e più in generale della giustizia. Problemi che, se trascurati o strumentalizzati, possono distruggere la base stessa di una convivenza basata sui diritti e sulla dignità, nella quale ci riconosciamo diversi come persone e uguali come cittadini. Come è importante farlo con il metodo e lo ” Stile” che vi contraddistinguono: partendo dalla vita e dalla storia delle persone, dai loro bisogni e dalle loro speranze, in quella relazione stretta che è premessa di una giustizia più giusta e di una democrazia più vera. Grazie ancora il vostro impegno, continuiamo a camminare insieme.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?