Io rifiuto al Teatro Tordinona “il Sud è una Donna caparbia e bellissima”

Dal 14 al 19 marzo al Teatro Tordinona in Sala Pirandello. Io rifiuto scritto e diretto da Francesco Romana Miceli Picardi. “Due donne del Sud, con lo stesso destino: rifiutate e finite nei rifiuti.”

Carolina e Carmela non si conoscono. Ma si ritroveranno a condividere lo stesso spazio, lo stesso “risveglio”. Due donne agli opposti: caratterialmente e fisicamente. Due donne del Sud, con lo stesso destino: rifiutate e finite nei rifiuti.
Il Sud è una terra dove le montagne sembrano giganti sonnecchianti e il mare è un testimone muto.

Tutti ne parlano, pochi lo conoscono veramente. “Il silenzio è d’oro” non è solo un proverbio. Parlare, reagire, rifiutarsi sono tre verbi che fanno rima con pericolo e paura. Ancora oggi.

La storia di Carolina e Carmela è una ferita che ogni meridionale si porta dentro. Nonostante le lotte e i grandi personaggi che si sono ribellati alla mafia e a quella cosa sporca, che si chiama omertà. Due storie “piccole” e dolorose. Due donne forti e schiacciate, unite in un viaggio onirico, tenero, tragicomico, straziante e irriverente come sa esserlo solo la morte. Specialmente se a parlare sono i morti “nascosti bene”. Quelli che mai nessuno troverà, quei morti che non avranno mai voce. Racconto il mio Sud, quello che non vorrei esistesse.
Perché il Sud è una Donna caparbia e bellissima, senza trucco e con i capelli ricci. Cammina scalza e ha troppe ferite sotto i piedi. Racconto due anime che hanno scelto di combattere.

Info, prenotazioni e prevendite Dal 14 al 19 marzo –ore 21.00 – domenica ore 18.00

Teatro Tordinona – Sala Pirandello (Via degli Acquasparta, 16 – Roma). Prevendite: i biglietti si acquistano direttamente al botteghino (15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo). Info e prenotazioni: tel. 067004932 – tordinonateatro1@gmail.com

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?