Davide Fiore. I’ve already seen it somewhere, il cult di New York

I’ve already seen it somewhere. Davide Fiore. Come conoscere New York? ZAD! Zona Arte Detour, la mostra fotografica dal 25 marzo al 6 aprile.

Il giorno 25 marzo 2017 alle ore 19.00 ZAD! Zona Arte Detour presenterà la mostra fotografica “I’ve already seen it somewhere”, dedicata ai luoghi cult di New York, ripresi nelle pellicole più famose del cinema americano e rifotografati oggi dal regista Davide Fiore.

L’idea è nata nel momento in cui il giovane videomaker, trovandosi a vivere nella Grande Mela, si è chiesto come poterla conoscere a fondo: così per tre mesi Davide Fiore ha girato in lungo e in largo i cinque distretti di New York per scovare gli angoli più nascosti della città, fotografando quelle che sono da sempre le location più suggestive rappresentate nei film. In mostra frames di film classici come Colazione da Tiffany, Quei bravi ragazzi, Il Padrino, ma anche di blockbusters più recenti come Serendipity, Il Diavolo veste Prada o Vanilla Sky.

Davide Fiore è regista, montatore video e motion grapher. Diplomatosi nel 2008 allo IED di Torino, è ora professore di Alfabetizzazione Video e Tecniche di Ripresa presso lo stesso IED. Collabora con diverse aziende e case di produzione; specializzato nella realizzazione di videoclip musicali, è noto in rete soprattutto per i suoi aftermovie e lyrics video. Annovera inoltre diverse pubblicazioni su Vogue come fotografo.

I’ve already seen it somewhere. Davide Fiore

Inaugurazione 25 marzo ore 19, mostra fino al 6 aprile. Ingresso libero
Dalle 20.30 entrata con tessera Detour 2017

ZAD! Zona Arte Detour
Via Urbana 107 – Roma
On site art curator Cristina Nisticò

 

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?